Questa coppia millenaria ha iniziato un'attività senza scopo di lucro per aiutare i rifugiati siriani

Questa coppia millenaria ha iniziato un'attività senza scopo di lucro per aiutare i rifugiati siriani

Di John Haltiwanger, 17 novembre 2015

Lexi Shereshewsky e Demetri Blaisdell non sono la tua coppia media. Hanno sede a New York City, parlano correntemente l'arabo e i co-fondatori di The Syria Fund, una giovane organizzazione no profit dedita ad affrontare l'attuale crisi dei rifugiati.

Il Fondo Siria collabora con i partner locali per fornire supporto materiale ai rifugiati mentre lavorano per ampliare le opportunità educative per i bambini siriani.

Lexi e Demetri si sono incontrati al college mentre studiavano all'estero in Egitto. Dopo la laurea, si trasferirono insieme in Siria per due anni e si innamorarono completamente del paese. Sono partiti dalla Siria nel 2010, non molto tempo prima che la situazione peggiorasse.



Dal 2011, la Siria è stata consumata dalla guerra, dalla violenza e dalla distruzione. Quasi un quarto di milione di persone ha perso la vita e circa altri 12 milioni sono stati sfollati con la forza.

Attualmente, ci sono circa da sette a otto milioni di siriani sfollati interni e circa quattro milioni di rifugiati siriani.

È stato molto difficile per Lexi e Demetri vedere un paese che avrebbero conosciuto come una seconda casa devastata da conflitti violenti, motivo per cui hanno fondato il Fondo Siria. Non potevano rimanere pigramente in mano a un paese pieno di gente che li aveva accolti a braccia aperte continuando a soffrire.

Come diceva Lexi,

Demetri e io abbiamo vissuto a Damasco, in Siria, nel 2009 e nel 2010. È stato un momento fantastico per essere lì - era estremamente sicuro e stava appena iniziando ad aprirsi di più al turismo. C'erano nuovi ristoranti, gallerie d'arte ed eventi culturali all'interno di questa antica città - la più antica città abitata continuamente sulla terra - con una storia profonda, cibo e tradizioni incredibili ... È stato davvero difficile guardare questo paese che abbiamo amato e vissuto in caduta in tale disperazione. Dico sempre che la Siria di oggi non è la Siria che conoscevamo, ma lo è il popolo siriano. A un certo punto, è diventato impossibile continuare a guardare le notizie senza fare nulla. Quando abbiamo iniziato a raccogliere fondi nel 2013, sono rimasto sbalordito dalla quantità di sostegno che abbiamo ricevuto dalla nostra famiglia e dai nostri amici e dall'impatto che ha avuto sulle famiglie siriane. Al fine di espandere i nostri sforzi, l'abbiamo definita un'organizzazione senza scopo di lucro formale e abbiamo ottenuto lo stato 501 (c) (3) dal governo in modo che tutte le donazioni fatte al Fondo Siria siano completamente deducibili dalle tasse.

Ad ottobre, ho viaggiato in Giordania per conto dell'Elite Daily insieme a The Syria Fund per assistere al lavoro svolto in prima persona.

¿Cómo sabes si él es el indicado?

Abbiamo viaggiato per una settimana in tutto il paese, visitando i rifugiati in una vasta gamma di contesti, dalle piccole comunità nelle campagne alle animate città fino al primo e più grande campo profughi per siriani in Giordania, Zaatari Refugee Camp (dove risiedono 80.000 siriani).

Abbiamo trascorso una giornata fantastica e illuminante visitando @ZaatariCamp. Grazie per averci ospitato! @Refugees pic.twitter.com/QSAuVk2yBg - The Syria Fund (@TheSyriaFund) 20 ottobre 2015

Secondo l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), ci sono circa 600.000 rifugiati siriani in Giordania, ma solo circa il 20% vive nei campi profughi.

Quando i siriani scelgono di non vivere nei campi, significa che devono badare a se stessi. Questo è difficile per una serie di ragioni, non solo perché sono fuggiti dalle loro case a causa della guerra, ma anche perché non possono ottenere permessi di lavoro in Giordania.

Questo è il motivo per cui il Fondo Siria si concentra principalmente sull'aiuto ai rifugiati negli ambienti urbani, poiché sono i più a rischio.

Per sette giorni ho visto con timore reverenziale Lexi e Demetri lavorare instancabilmente a fianco dei partner locali per organizzare l'assistenza ai siriani in tutta la Giordania.

Li ho visti raccogliere rifornimenti per i siriani nei vivaci mercati di Amman, in Giordania - tutto, dai cappotti e scarpe invernali alle forniture per la cucina.

Li ho visti visitare un centro comunitario per i rifugiati che stanno aiutando a costruire ad Azraq, in Giordania, dove vivono migliaia di siriani.

Li ho visti comunicare con gli studenti di tutto il paese, interagendo affettuosamente con loro e conversando senza sforzo in arabo.

Li ho visti aiutare a costruire un'aula per una piccola comunità di rifugiati che vivevano in tende nel deserto.

Il Fondo Siria su YouTube

E li ho visti portare cappotti invernali e materiale scolastico per i bambini in quella stessa comunità.

È stato bellissimo e, in un certo senso, travolgente vedere i sorrisi sui volti di questi bambini mentre Lexi e Demetri li hanno aiutati a indossare i loro nuovi cappotti, che li terranno caldi durante il rigido inverno giordano. Diamo molto per scontato negli Stati Uniti.

Abbiamo trascorso una giornata fantastica distribuendo pacchetti invernali ai rifugiati urbani nel nord-est della Giordania. #hope #WeCareAboutSyria pic.twitter.com/TZqauTG6uv - The Syria Fund (@TheSyriaFund) 21 ottobre 2015

In un momento in cui l'islamofobia e la xenofobia imperversano e gran parte del mondo considera sospetti i rifugiati, l'importanza del lavoro svolto da Lexi e Demetri non può essere sopravvalutata.

Si sono presi del tempo dai loro impegni per assistere disinteressatamente le persone le cui vite sono state distrutte dalla guerra.

Mentre i candidati presidenziali e altri politici negli Stati Uniti sostengono che non dovremmo aiutare i rifugiati, Lexi e Demetri stanno uscendo dal loro lavoro quotidiano e si stanno prendendo una vacanza per recarsi in Medio Oriente e offrire una mano.

Il mondo ha bisogno di più persone come loro e ha bisogno di più organizzazioni come The Syria Fund.

que significa lento

Contrariamente a quanto sembra che molti in Occidente credano, il Medio Oriente non è un luogo intrinsecamente pericoloso e l'Islam non è una religione da temere. Lexi e Demetri, che vivevano in Medio Oriente da anni, sarebbero stati i primi a dirtelo. E parte del motivo per cui hanno istituito il Syria Fund è stato quello di dissipare le percezioni negative della regione e dei suoi popoli. Come ha spiegato Demetri,

La prima cosa a cui penso quando penso al mio tempo in Siria è quanto siano amichevoli e generose le persone ... Quando vivevamo a Damasco, gli amici in America spesso ci chiedevano come eravamo percepiti come americani che vivono in Siria. Semmai, le persone erano ancora più amichevoli quando hanno scoperto da dove venivamo, specialmente quando si sono resi conto che potevamo parlare arabo ... Siamo stati invitati per tè o caffè o per la cena tutto il tempo e le persone erano ansiose di conoscere il nostro paese e cosa abbiamo pensato al loro paese ... Per me, il Fondo Siria ha lo scopo di cambiare le percezioni e di aiutare chi è nel bisogno. Il quasi anno e mezzo trascorso in Siria è stato uno dei periodi migliori della mia vita. Da quando è iniziata la guerra, colleghi e conoscenti negli Stati Uniti tendono a chiedermi della violenza, dello Stato islamico o se è possibile raggiungere una soluzione. Ma ogni volta che ho quelle conversazioni, penso a che posto meraviglioso dove vivere e alle persone fantastiche che ho incontrato lì. La Siria che conoscevamo era un posto meraviglioso e sarà di nuovo un posto meraviglioso. Nel frattempo, mi sento come quelli di noi che hanno trascorso del tempo lì e hanno imparato ad amare le persone e la cultura hanno l'obbligo di fare tutto il possibile per aiutare in questo momento di bisogno.

Se più persone condividessero l'atteggiamento di Lexi e Demetri, il mondo sarebbe un luogo decisamente più tollerante, compassionevole e produttivo.

Affinché il Fondo Siria continui ad avere un impatto, ha bisogno di finanziamenti. Se sei interessato a saperne di più, visita TheSyriaFund.org.

E guarda il video qui sotto per uno sguardo più attento a ciò su cui il Fondo Siria si è concentrato mentre in Giordania.

Il Fondo Siria su YouTube

Nota del redattore: tieni d'occhio per una maggiore copertura della visita dell'Elite Daily in Giordania nel prossimo futuro.

citazioni: Profilo delle operazioni nazionali dell'UNHCR nel 2015 in Giordania (UNHCR), Zaatari (UNHCR)