La poesia della Statua della Libertà di Emma Lazarus ha un messaggio importante nel 2016

REUTERS

La poesia della Statua della Libertà di Emma Lazarus ha un messaggio importante nel 2016

Di John Haltiwanger, 28 ottobre 2016

Venerdì è il 130 ° compleanno della Statua della Libertà, uno dei simboli più duraturi d'America di libertà e democrazia.

Il presidente Grover Cleveland, che era un ex governatore di New York, dedicò la statua il 28 ottobre 1886 e divenne monumento nazionale nel 1924.

La statua - un dono della Francia - ci ricorda l'eredità degli immigrati di questo paese e i milioni che sono stati ispirati a venire negli Stati Uniti in cerca di una vita migliore.



hombre emocionalmente disponible

C'è una poesia incisa su una targa situata all'interno del piedistallo della statua, che testimonia il passato americano e il significato simbolico della Statua della Libertà.

Il poema 'The New Colossus' è purtroppo estremamente rilevante adesso - oltre un secolo dopo - a causa della crisi globale dei rifugiati.

Dice,

Dammi il tuo stanco, il tuo povero, le tue masse rannicchiate che desiderano respirare liberamente, i rifiuti miserabili della tua costa brulicante. Invia questi, i senzatetto, lanciati dalla tempesta, alzo la mia lampada accanto alla porta d'oro!

Queste parole sono state scritte da Emma Lazarus, una newyorkese di origine ebraica sefardita portoghese.

Ha tratto ispirazione per la poesia dalla sua eredità e dal lavoro che ha svolto con i rifugiati sull'isola di Wards.

Mentre Lazzaro sentiva chiaramente che l'America dovrebbe essere un paese che accoglie gli immigrati e i rifugiati, non tutti sono d'accordo.

Questo è stato purtroppo il caso nella storia di questo paese.

Molti americani hanno salutato nuove ondate di immigrati con sospetto e sdegno, e ci sono state spesso occasioni in cui gran parte del paese si è opposto all'aiuto dei rifugiati, inclusi rifugiati ebrei, tra l'altro, durante il periodo dell'Olocausto.

Oggi, il candidato alla presidenza repubblicano Donald Trump sta continuando la lunga tradizione americana di demonizzare e ostracizzare immigrati e rifugiati.

rosa ano floreciente

Ha proposto politiche radicali che coinvolgono la deportazione di milioni di persone, mentre ritrae continuamente i rifugiati come potenziali terroristi.

Il figlio di Trump ha persino paragonato i rifugiati ai birilli velenosi, disumanizzando completamente alcune delle persone più vulnerabili del mondo in un modo assolutamente ridicolo.

Nel frattempo, solo tre rifugiati sono stati arrestati per terrorismo negli Stati Uniti dall'11 settembre.

Attualmente stiamo assistendo alla peggiore crisi dei rifugiati della nostra era, con oltre 20 milioni di rifugiati in tutto il mondo.

UNHCR

Un conflitto in corso ed estremamente sanguinoso in Siria l'ha resa la più grande fonte di rifugiati.

Al momento, ci sono quasi cinque milioni di rifugiati siriani.

charles de riverdale

Gli Stati Uniti hanno compiuto uno sforzo per far fronte a questa crisi, accettando 10.000 rifugiati siriani, ma potrebbe probabilmente fare molto di più.

In questo momento, ci sono 10 paesi che ospitano metà dei rifugiati del mondo e gli Stati Uniti non sono tra questi.

In generale, i paesi ricchi non fanno quasi nulla per far fronte alla crisi dei rifugiati.

Mentre riflettiamo sulla storia della Statua della Libertà, gli americani dovrebbero rileggere le parole di 'The New Colossus' e chiedersi in che tipo di paese vogliono davvero vivere.

Vogliono rannicchiarsi dietro confini e muri arbitrari nel timore di persone che hanno un disperato bisogno di assistenza?

O vogliono essere all'altezza degli ideali su cui questo paese è stato fondato e accettare che fare la cosa giusta spesso comporta un certo livello di rischio?

Queste sono domande che vale la pena porre, soprattutto quando ci avviciniamo al giorno delle elezioni.

Elite Daily su YouTube