Come essere figlio di immigrati mi ha insegnato il privilegio è relativo

Come essere figlio di immigrati mi ha insegnato il privilegio è relativo

Di Niluja Albert, 18 giugno 2015

Come figli della diaspora nordamericana, a volte non siamo semplicemente in sintonia con quanto i nostri genitori si sono sacrificati per allevarci in questo paese.

Invece, ci concentriamo sulla sfida personale di provare ad assimilarci alla cultura occidentale.

Mio padre è venuto qui con solo i vestiti sulla schiena. Invece di riconoscere il valore di questo, da bambino, ero costantemente frustrato dalla sua ossessione per la parola 'no'.



Anche adesso, nonostante tutte le loro benedizioni durante gli ultimi 30 anni in Canada, i miei genitori vivono ancora uno stile di vita frugale inciso nelle ombre della carneficina del loro passato di guerra lacerato. Conosco il valore di ciò che ho a causa del prezzo che hanno dovuto pagare.

La ricchezza e il privilegio generazionali cancellano queste lezioni? I nostri figli capiranno mai veramente l'umiltà di imparare a vivere senza?

Ci sono molti livelli in queste domande caricate e circolano attorno al concetto di privilegio.

Trenta anni fa, un clamoroso 'no' sarebbe echeggiato in casa mia se qualcuno avesse chiesto ai miei genitori se si sentivano privilegiati dopo le loro esperienze traumatiche.

Come molti immigrati nei primi anni '80, furono costretti a lasciare la propria casa, tutti i loro averi e guardare la figlia ammalarsi a causa delle squallide condizioni di un campo profughi.

Come può qualcuno che ha passato la perdita di tutto ciò che è importante per loro sentirsi privilegiato? (Tranne l'ovvio: sentirsi privilegiati per essere ancora vivi.)

Alcuni potrebbero ignorare l'argomento di questo articolo come 'problemi del primo mondo', ma è la realtà a cui ogni immigrato si impegna quando la sua famiglia stabilisce una nuova vita in un territorio straniero.

Imparare a vivere senza tutte le cose di cui pensavo di aver bisogno ha acceso la concentrazione e la motivazione per guadagnare successo senza dipendere da qualcosa che mi è stato consegnato.

Il motivo per cui il concetto di privilegio e ricchezza generazionale è così difficile da discutere nella nostra società è perché molti individui non hanno il senso del proprio privilegio.

¿Por qué Bella y Weeknd se separaron?

La spiegazione più completa che si è presentata è il concetto di 'privilegio di identità'.

Questo è definito come 'qualsiasi beneficio o vantaggio non acquisito che uno riceve nella società per natura della sua identità: identità di genere, razza, religione, orientamento sessuale, abilità di classe / ricchezza o status di cittadinanza'.

È difficile per le persone riconoscere i privilegi che hanno quando ci sono così tanti modi in cui non si sentono privilegiati.

Ad esempio, un individuo della classe media che è cittadino americano potrebbe ancora non sentire il peso di questo privilegio se incontra discriminazione nella sua vita quotidiana, specialmente se questa discriminazione contribuisce a un complesso di inferiorità procurato a causa della razza della persona o Genere.

D'altro canto, un immigrato appena sbarcato può vedere lo status di cittadinanza sicura come il massimo indicatore di sicurezza. Il privilegio è tutto relativo.

La vita da immigrato spesso significa partire da zero. Ti viene richiesto di costruire le tue connessioni, formare le tue reti e stabilire la tua reputazione.

Non puoi fare affidamento sul nepotismo o essere assunto da una generazione di contatti che sono stati persi quando la tua famiglia si è lasciata alle spalle la loro patria.

È logico che, in un certo senso, i figli degli immigrati debbano lavorare di più rispetto a quelli che sono nati nel lusso della ricchezza generazionale.

Dal giorno in cui ho aperto il mio primo conto bancario, ho saputo che dovevo costruire i miei risparmi, senza il beneficio dell'eredità.

Gli immigrati di prima e seconda generazione sono motivati ​​ad avere successo perché non hanno nulla su cui contare.

Mentre stabilisci la tua carriera, oltre a preoccuparti della costruzione del tuo successo personale e dei piani pensionistici, è anche essenziale tenere conto del costo della cura dei genitori anziani.

Questo è un netto contrasto con i nati con ricchezza generazionale.

Il piano pensionistico del mio collega era di vendere la casa di suo nonno come risparmi per la pensione e le entrate di altre proprietà familiari avrebbero contribuito a pagare le spese mediche dei genitori.

Questo è un lusso che molte famiglie di immigrati di prima generazione non vivranno in questa vita.

Crescere privilegiato arriva con un'arma a doppio taglio: quando passi la vita a costruire qualcosa dal nulla, la motivazione diventa l'ingrediente per il successo e nulla nella tua vita è dato per scontato.

Tuttavia, quando hai il vantaggio di crescere con la ricchezza della tua famiglia come rete di sicurezza, tutte le regole cambiano.

Stabilire ricchezza generazionale e accumulare beni immobili, ereditarietà e beni familiari che possono essere tramandati naturalmente significa che ogni generazione è nata in una situazione in cui il loro futuro è sicuro.

la distancia hace el corazón

L'ereditarietà allevia l'onere della responsabilità finanziaria.

In poche parole, le persone che crescono con privilegi fiscali hanno meno di cui preoccuparsi. Da un lato, questo può essere negativo se un individuo usa la ricchezza della propria famiglia come stampella per dipendere da se stesso.

señales de que te respeta

In questo caso, non hanno alcuna motivazione a tracciare i propri percorsi perché sanno che saranno sempre curati.

D'altra parte, la ricchezza generazionale può anche accendere il successo. Ad esempio, un imprenditore che cresce privilegiato può avere i mezzi finanziari e la capacità di correre più rischi quando avvia la propria attività perché ha ricchezza ed eredità su cui fare affidamento se gli sforzi falliscono.

Altri possono usare il successo della loro famiglia come ispirazione perché vogliono eguagliare o superare la storia del successo. Crescere con grandi scarpe da riempire può fungere da stimolo o impedimento.

Il problema è che non puoi controllare la motivazione di un'altra persona. La spada del privilegio a doppio taglio è questa: quando sei in grado di fornire ai tuoi figli tutto, non sai mai quale percorso sceglieranno.

Il pericolo è quando il privilegio si lega a un sentimento di diritto.

I figli degli immigrati sentono il peso della responsabilità del sacrificio dei genitori. Questo li rende consapevoli del privilegio che sono in grado di acquisire.

Allo stesso modo, ai bambini che provengono dal denaro dovrebbe essere insegnato che il percorso del privilegio è una strada difficile, così imparano il valore di ciò che hanno.

Il privilegio non deve essere associato alla colpa, a condizione che comprendiamo che è importante restituire.

Tutto dipende dalla responsabilità che deve accompagnare il privilegio e la ricchezza generazionale.

Non c'è motivo di sentirsi in colpa per le circostanze in cui sei nato o ereditato perché è un processo naturale quando una famiglia inizia a crescere radici di successo nella propria comunità.

È importante riconoscere e comprendere la propria fortuna e assumersi la responsabilità di raggiungere coloro a cui non sono state concesse le stesse opportunità nella vita.

La paura di crescere senza può essere forte quanto le ramificazioni di crescere con tutto ciò che ti viene consegnato.

Tutto dipende dalla responsabilità che ogni famiglia ha di sollevare giovani donne e uomini che sono profondamente consapevoli del proprio privilegio e si adopereranno sempre per utilizzare le proprie risorse per rafforzare e sostenere gli altri nella comunità.

Audrey Hepburn è famosa per aver detto che abbiamo due mani nella vita: una per sostenerci e una per tornare indietro e aiutare gli altri, senza aspettative.

Perché alla fine della giornata, il privilegio non significa nulla in questo mondo se non puoi farci qualcosa di utile.