Essere transgender non è una malattia mentale, secondo la nuova classificazione dell'OMS, e FINALMENTE

Drew Rabbia / Getty Images Notizie / Getty Images

Essere transgender non è una malattia mentale, secondo la nuova classificazione dell'OMS, e FINALMENTE

Di Julia Guerra, 21 giugno 2018

Negli ultimi anni, la maggior parte del mondo la società ha compiuto uno sforzo consapevole per diventare più progressista e accettando diverse sessualità e identità di genere. Anche se c'è ancora molta strada da fare prima che tutti siano trattati allo stesso modo, prima che io e te viviamo nel tipo di universo utopico di cui è scritto nei libri, dal 18 giugno 2018, essere transgender non è più considerato una malattia mentale, secondo la classificazione dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e che di per sé rappresenta un enorme passo nella giusta direzione. All'interno della comunità (e anche per i sostenitori e gli alleati), il cambiamento è atteso da tempo, poiché molte persone credono che questa errata classificazione sia stata in gran parte responsabile dello stigma nei confronti degli individui transgender.

È un eufemismo affermare che è ingiusto, e persino illogico, classificare qualcuno come 'malato di mente' semplicemente perché è fuori dalla propria identità. Ma la decisione dell'OMS di rimuovere questa classificazione è un enorme passo nella giusta direzione per la comunità transgender, se non per l'intera comunità LGBTQIA + nel suo insieme, e spero sinceramente che questa notizia sia un vero colpo in faccia per coloro che potrebbero avere posto uno stigma su questi individui, o che hanno giudicato erroneamente o sono stati pregiudizi nei loro confronti.

L'OMS ha annunciato lunedì 18 giugno che essere transgender non sarà più considerato una malattia mentale e, invece, identificarlo come tale sarà ora classificato come una 'condizione di salute sessuale'.

Nella versione aggiornata della Classificazione internazionale delle malattie e dei problemi di salute correlati (OCD) dell'OMS, essere transgender non appare più nella classificazione delle malattie mentali che, secondo la definizione dell'OMS, si riferisce a tutte le condizioni 'generalmente caratterizzate da una combinazione di pensieri anormali, percezioni, emozioni, comportamento e relazioni con gli altri 'ed elenca cose come schizofrenia, depressione, disturbo bipolare, ecc. nella stessa pagina. Ora, essere transgender rientra in condizioni di salute sessuale che, ovviamente, sembrano più appropriate, ma come fa l'OMS a definire esattamente le 'condizioni di salute sessuale' e come si inserisce questo transgender sotto questo ombrello?



aceites esenciales para irritabilidad

Secondo il suo sito Web ufficiale, l'OMS ha studiato le condizioni di salute sessuale sin dai primi anni '70, più o meno nello stesso periodo l'omosessualità è stata rimossa dalla classificazione delle malattie mentali dopo circa 20 anni di etichettatura come tale. Attraverso la sua ricerca, l'organizzazione ha descritto la salute sessuale come 'uno stato di benessere fisico, emotivo, mentale e sociale in relazione alla sessualità' che 'comprende sesso, identità e ruoli di genere, orientamento sessuale, erotismo, piacere, intimità e riproduzione “. Sulla base di tale definizione, sembra molto più appropriato e rispettoso dire che essere transgender si allinea meglio alla salute sessuale, piuttosto che a una condizione di salute mentale, anche se il termine 'condizione' è ancora in gran parte problematico, indipendentemente da come ti identifichi sessualmente.

Immagino che la domanda ora sia: cosa ha spinto l'OMS a cambiare posizione?

Secondo l'annuncio sul suo sito Web, la nuova classificazione di cosa significhi essere transgender ha principalmente a che fare con le esigenze di assistenza sanitaria degli individui transgender e il fatto che la sua classificazione abbia sicuramente avuto un ruolo nello stigma nei loro confronti, specialmente in il regno di trovare e ricevere cure adeguate e imparziali dai fornitori di servizi medici. In una domanda e risposta sulla nuova classificazione, la dott.ssa Lale Say, coordinatrice del gruppo di adolescenti e popolazioni a rischio dell'OMS, ha dichiarato:

È stato eliminato dai disturbi della salute mentale perché avevamo una [migliore] comprensione del fatto che questa non era in realtà una condizione di salute mentale e lasciarla lì causava stigma.

La classificazione dell'OMS su cosa significhi essere qualcuno che si identifica come transgender è più di una definizione; è una rappresentazione di come la società vede questi individui come una comunità. Tuttavia, come alleato della comunità transgender, è assolutamente necessario che tu apprezzi, rispetti e sostenga queste persone, a) indipendentemente da dove si trovino nel loro viaggio eb) nonostante il modo in cui la società può classificarle.

partes del cuerpo gobernante del zodiaco

Secondo un sondaggio del Pew Research Center del 2016, solo il 30 percento degli adulti americani ha incontrato qualcuno che è transgender. Ciò, oltre a come un'organizzazione ufficiale come l'OMS classifica queste persone, non fa che accrescere i malintesi in merito a questa comunità. Allora, come puoi imparare di più?

deberías seguir tu corazón o tu cabeza

Per cominciare, avvicinarsi a qualcuno che è transgender e bombardarlo con domande invasive non è certamente la risposta, e ad essere onesti, non dovresti mai farlo. Ma, se sei qualcuno che non sa molto delle persone transgender e che vorrebbe guadagnare qualche prospettiva, oltre a diventare un alleato di queste persone, ci sono molte risorse online che possono aiutare a rompere il ghiaccio. Ad esempio, organizzazioni come il National Center for Transgender Equality, la Gay & Lesbian Alliance Against Defamation (GLAAD) e Trans Student Educational Resources offrono linee guida che possono insegnarti il ​​modo giusto di affrontare l'argomento e mantenere una mente aperta perché, TBH , a meno che qualcuno non sia a conoscenza della propria identità, non si sa mai chi potrebbe essere transgender. Inoltre, c'è sempre una conversazione in corso sui diritti dei transgender e la comunità su Twitter, se sei interessato a sintonizzarti lì:

Inoltre, dirò che uno degli episodi della nuova stagione di Queer Eye ha affrontato questo problema con rispetto e con grazia quando l'esperto di moda dello show, Tan France, ha affrontato l'argomento chiedendo innanzitutto se il loro ospite transgender, Skylar, fosse a suo agio con le domande e procedendo da lì. Se conosci qualcuno che è apertamente transgender e ti ha detto che si sentono a proprio agio nel fare domande sulla loro identità, questo potrebbe essere un ottimo esempio per farti un'idea di come discutere l'identità di una persona in uno spazio sicuro.

Mentre è OK non sapere tutto su ciò che sta passando qualcun altro, non è mai OK emarginare la comunità transgender (o qualsiasi altra), o presumere che non stiano 'bene mentalmente' a causa di come scelgono o scelgono di non identificarsi. Sfortunatamente, questa notizia è solo un passo avanti in quella che è destinata a essere una lunga camminata verso l'uguaglianza per gli individui trans, specialmente in un momento in cui i diritti di trans sono minacciati quotidianamente (e molto probabilmente continueranno ad esserlo, nonostante questa notizia). Per attuare un vero cambiamento, mantenere una mente aperta, essere un alleato e un sostenitore di coloro che ti circondano e di coloro che sono nel bisogno, non dare per scontato che tu sappia cosa significhi vivere l'esperienza vissuta di qualcun altro e porre le domande appropriate in le impostazioni appropriate per ottenere un po 'più di comprensione.